Organizzare Viaggio USA

Organizzare un viaggio negli USA

Come progettare e programmare una visita negli Stati Uniti

Organizzare un viaggio negli Stati Uniti potrebbe, a prima impressione, sembrare più complicato di quanto in realtà sia; tutto dipende comunque dalla tipologia di viaggio che vorrete “affrontare” perché c’è chi si dedica alla visita di una destinazione unica (una città?) e chi invece preferisce noleggiare un’auto e partire per il classico “on the road“, soluzione che comporta sicuramente un maggiore dispendio di energie in fase di preparazione.
Parlare di viaggio in USA è sicuramente qualcosa di eccessivamente generico, vista la dimensione degli States:; è un po’ come dire di organizzare un viaggio in Europa, che può significare qualsiasi cosa: vai a Londra una settimana? Ti fai un tour in auto della Francia?

Oggi siamo qui a parlare delle due principali alternative: la visita alla singola destinazione, l’on the road. Noi abbiamo fatto entrambe, numerose volte, per cui possiamo tranquillamente affermare che si tratta di due diverse idee di viaggio che dipendono molto dalle proprie esigenze e anche dalla destinazione che si vuole visitare. Nel senso che se voleste andare a San Diego, sarebbe da pazzi pensare di passare 2 settimane lì (o anche una) senza farsi un bel giro tra California e Arizona. Se volte invece  vedere, decentemente, una città come New York (che per me è l’unica che possa giustificare una settimana o più di visita intensiva) potreste anche rimanere solo nella Grande Mela.
In ogni caso leggetevi le cose indispensabili da portare quando si viaggia negli USA.

organizzare viaggio usaPer le strade del Vermont

 Per cui se decidete per la singola destinazione (es New York) o anche per due singole (es. New York + Miami), l’organizzazione è relativamente più semplice.
La cosa più complessa è sicuramente definire l’itinerario e le modalità della visita: dovrete quindi approfondire bene la conoscenza della città, delle sue attrazioni, dei suoi mezzi di trasporto. Una volta ottenute tutte le informazioni necessarie potrete programmare (senza essere troppo fiscali, mi raccomando!) un po’ tutte le principali questioni come il trasferimento aeroporto-città, la suddivisione del tour in giorni, l’uso dei mezzi di trasporto (anche il relazione alla posizione del vostro alloggio).
Se dovete poi partire alla volta di un’altra città, occorrerà pensare al trasferimento: l’areo è consigliabile nella maggior parte dei casi viste le distanze tra le città. Se non siete troppo lontani potete anche valutare il bus (che è sempre economico e pratico) o il treno (che invece ha un costo molto più alto).

 Pianificare un on the road è più complesso, senza dubbio, ma non pensate assolutamente a qualcosa di trascendentale. Se è la vostra prima volta un po’ d’ansia è comprensibile ma bastano pochi accorgimenti e un po’ di studio per far filare tutto liscio una volta oltreoceano.
Cercate di comprendere a pieno l’itinerario, cercate di toccare tutte le principali attrazioni (lo so è un termine bruttissimo), non siate troppo avari coi tempi, pianificate tutto al meglio per potervi poi lasciare la libertà di modifiche in corso d’opera. Le domande più classiche riguardano il numero di km giornalieri, il numero di giorni che si deve rimanere in un determinato luogo. E’ difficile dare delle risposte perché tutto è relativo ma vi consiglio di non eccedere con i km (soprattutto se non avete cambi alla guida), di alternare tappe impegnative con giorni di sosta (ove possibile), di evitare un toccata e fuga continua.
Per molti la tecnologia moderna rappresenta una limitazione alla libertà, ma io non sono d’accordo: portate un gps (o prendetelo con l’auto) che vi aiuterà a trovare con semplicità la strada, a scovare i motel nelle zone di interesse a evitare di perdere tempo leggendo stradari.
Noleggiate una vettura di adeguate dimensioni, perché li passerete molto molto tempo.
E visto che ci chiamiamo “assicurazionemyusa.it” è bene pensare anche alla sicurezza: stipulate una polizza viaggio (la nostra naturalmente) e chiedete alla compagnia di noleggio un’assicurazione medica per il conducente, anche in caso di incidente con colpa!