Moltissimi utenti dei nostri portali , tra cui ricordiamo myusa.it, il vero punto di riferimento italiano per il turismo negli USA e younewyork.it, il giovane (ma promettentissimo) portale interamente dedicato alla stupenda New York City, ci chiedono molto spesso come sia possibile riconoscere un buon prodotto assicurativo in grado di assistere adeguatamente un viaggiatore italiano negli States.
La risposta sembrerà scontata, ma le motivazioni non lo sono affatto.

Naturalmente non possiamo che ricordare come Columbus myusa.it sia una polizza perfetta per USA, Messico, Canada e paesi caraibici (ad eccezione di Cuba dove non opera). E’ per questo motivo che myusa.it ha dato vita una partnership così intensa con Columbus Direct, perché questa compagnia è in grado di offrire un prodotto realmente serio e professionale con un premio decisamente contenuto. Una polizza idonea a coprire adeguatamente i viaggi negli Stati Uniti.

Riconoscere un buon prodotto non è cosa ardua ma bisogna subito puntualizzare che per avere un’idea di ciò che si sta sottoscrivendo è indispensabile leggere il foglio informativo dove sono riportate tutte le specifiche della polizza.
Quando si parla di USA, l’assicurazione sanitaria non può essere considerato un optional ma va scelta con cura per evitare il rischio di rovinarsi la vacanza e non solo. Sappiamo tutti quanto le prestazioni mediche, anche le più banali come può essere fasciarsi un polso slogato, siano in tutti gli States a dir poco costosissime. Pensate che anche il trasporto in ambulanza può arrivare a costare cifre importanti.
Quindi vediamo cosa occorre valutare adeguatamente:

[list type=”check3″]

  • La compagnia assicurativa: la prima cosa è capire chi sta offrendo il prodotto e chi lo sottoscrive. Le polizze Columbus myusa.it sono offerte da Columbus Direct i cui prodotti sono sottoscritti da AIG, il colosso finanziario americano. E’ importante non affidarsi a piccole realtà.
  • I massimali: quando si parla di USA i massimali devono essere adeguati. 1.000.000 di € per le spese mediche è un massimale adeguato perché vi consente realmente di stare tranquilli.
  • Le franchigie: la franchigia è la parte del rischio che rimane a carico dell’assicurato. Questo significa che se la franchigia è 1000€, questi soldi (in caso di emergenza) dovrete comunque pagarli di tasca vostra.
    Columbus myusa.it ha franchigie bassissime che possono essere portate a ZERO con un’opzione attivabile per pochissimi euro in sede di preventivo.
  • Anticipo delle spese mediche: il pagamento diretto delle spese sanitarie in loco è fondamentale, soprattutto quando si parla di cifre importanti. Columbus myusa.it prevede (previa adeguata segnalazione del sinistro alla centrale operativa e successiva approvazione) il pagamento diretto e non solo il rimborso.
  • Il centralino in Italiano: in caso di emergenza è importante capirsi bene. Columbus myusa.it dispone di un centralino emergenze in lingua italiana attivo 24h/24, 365 giorni l’anno.
  • Trasporto in ambulanza: deve essere compreso nella copertura perché può essere molto costoso, inutile dirvi che Columbus myusa.it lo copre.

[/list]

Voi cosa ne pensate?

About the Author
avatar


Adoro gli Stati Uniti, ma soprattutto amo viaggiare negli Stati Uniti. La mia prima volta è stata in Arizona, Utah e California, un "on the road indimenticabile" che ha per sempre cambiato il mio modo di concepire l'idea di viaggio. Da quel giorno gli States sono una delle mie più grandi passioni, nel 2009, insieme ad altri mie amici compagni di viaggio, ho fondato myusa.it, con lo scopo di fornire risorse di viaggio utili a tutti coloro che decidono di partire negli USA.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *